Intolleranza sessuale
30/04/09
Non dover dimostrare niente
06/05/09
Intolleranza sessuale
30/04/09
Non dover dimostrare niente
06/05/09

Non mollare mai!

Le informazioni contenute in questo sito non possono ASSOLUTAMENTE sostituire una visita o il parere forniti dal proprio medico o specialista, ne sostituire, modificare o affiancare eventuali terapie o cure in corso.
Termini e Condizioni

Ecco cosa insegnano a scuola all’estero, non solo concetti. E’ un esempio reale, di come non perdersi mai d’animo anche se tutti dicono che non puoi farcela.  Questo filmato è davvero educativo; questo signore spiega la sua esperienza, spiega come, nonostante gli manchino braccia e gambe, non solo riesce a rialzarsi da solo ma è riuscito a trovare un senso alla sua esistenza e si vede; credetemi si vede e si sente!

Sta più in piedi lui di molte altre persone!

Non solo; potrei dire come fisiatra morosiniana che il potenziale di salute di questo signore è  al di là di ogni possibile immaginazione.

Vi ricordate quel racconto di 2 topolini che  cascano in un secchio di panna, il primo si lascia andare dicendo, “non riusciremo mai ad uscire di qui”, il secondo continua a nuotare  nel secchio senza darsi per vinto e gira che ti gira, la panna  diventa burro e il topolino riesce finalmente ad uscire mettendosi in salvo.

Me la raccontava mio padre quando ero piccola,  allora mi sembrava solo un bel racconto. Ma nella vita ci sono situazioni che ci mettono alla prova, ed è in questi frangenti che si possono scoprire nuove realtà, nuove possibilità, si può scoprire cioè che esistono delle alternative magari inesplorate e sconosciute ma reali e che quindi vale la pena cercare.

C’è un film, l’olio di Lorenzo, tratto da una storia realmente accaduta che narra la lotta di due genitori nei confronti di una malattia degenerativa che colpisce il loro figlio causando una demileinizzazione progressiva del sistema nervoso. L’impegno di questi  genitori è tale che diventano essi stessi veri e propri esperti,  nonchè inventori di una  cura in grado di limitare l’evoluzione della malattia.

E’ un film toccante, che lascia capire quanta ignoranza vi sia ancora, soprattutto nel campo della medicina, e quanti siano ancora i passi da fare anche in direzioni sconosciute, invitando a superare la malcapitata  idea che tutto è già stato tentato.

 

Condividi