Troppo poco sesso
09/01/09
La legge del tutto o nulla
12/01/09
Troppo poco sesso
09/01/09
La legge del tutto o nulla
12/01/09

L’intelligenza del Doctor House non è intelligenza!

Le informazioni contenute in questo sito non possono ASSOLUTAMENTE sostituire una visita o il parere forniti dal proprio medico o specialista, ne sostituire, modificare o affiancare eventuali terapie o cure in corso.
Termini e Condizioni

Lo conoscete tutti il famoso e scontroso ma super mega intelligente Doctor House.

Un uomo totalmente dedito al suo lavoro, un eroe al servizo della medicina, una mente in grado di diagnosticare patologie talmente subdole e rare che veramente non si può non inchinarsi a un tale genio.

Ma a ben guardare il mitico Dr House si comporta come idiota patentato!

Non possiede vita privata, non possiede vita di relazione ne con l’altro sesso ne con amici, non ha sogni, ne piaceri. E sul fronte del volersi bene e del curarsi proprio non ci siamo! Insomma un esempio da non seguire!

La sua zoppia in primo luogo è un affronto al buon senso, un affronto alla medicina e a tutti medici più o meno specialisti in riabilitazione e non.

Avete mai notato quanto sia goffa la sua camminata? E’ semplice: il Dottor House usa il bastone dal lato sbagliato! Ovvero, utilizza il bastone dal lato della gamba ammalata.

 

E come tutti sanno o dovrebbero sapere,  per alleviare il carico su un arto, il bastone si utilizza dal lato opposto. Mi  capita ancora  spesso di visitare pazienti che da soli improvvisano l’utilizzo di un bastone e di solito lo fanno per l’appunto dal lato sbagliato. Talora sono pazienti anziani ormai abituati da anni a usare il bastone in modo errato e in questi casi diventa davvero difficile reinsegnare loro il metodo giusto, senza aumentare il rischio di caduta dovuto all’incertezza del cambiamento e al consolidamento di uno schema errato.

Ma non è finita! Il Dr. House utilizza per un dolore nevralgico cronico, farmaci antidolorifici della famiglia degli oppiacei, che come tutti sanno danno una progressiva assuefazione e richiedono dosi sempre maggiori, con un effetto sempre minore.

I farmaci oppiacei hanno senso nel paziente terminale, nell’iperacuto, ma nel paziente giovane con dolore cronico si dovrebbero prima tentare altre strade. E fra queste sicuramente l’agopuntura si può considerare fra le terapie con maggior effetto antidolorifico; non è un caso se in molti paesi viene usata come  anestetico durante interventi chirurgici. E nella  mia esperienza le nevralgie ischemiche o post traumatiche migliorano grandemente e possono  limitare progressivamente l’assunzione e il dosaggio dei farmaci antidolorifici.

Tornando al nostro Doctor House, potremmo dire che la sua intelligenza si esaurisce totalmente nel campo emotivo, affettivo, relazionale e ancor di più su versante personale. Ma come è possibile ci dovremmo chiedere?

Esistono diversi tipi di intelligenza e purtroppo quella esclusivamente mentale è poco utile nella vita perchè è monodirezionale, sterile e fine a se stessa. Per questo rischia di alimentare solo l’ego.

L’intelligenza del cuore, in realtà potremmo dire la capacità di usare il cuore, ci consente invece di apprendere da ogni cosa, non solo quello che si trova nel nostro limitato campo di azione; ci consente di alzare la testa e di scoprire che esistono milioni di altri mondi sconosciuti che sono appunto le altre persone.

E’ solo questo tipo di intelligenza che ci consente di formare una personalità equilibrata e, se adeguatamente nutrito da conoscenze, di allargare le nostre vedute.

Albert Einstein diceva:

” l’intelligenza è come un parcadute, funziona solo se si apre”

Andrea Di Terlizzi scrive  nel suo libro “L’ultimo Segreto“:

“l’apertura mentale è la condizione prima per lo sviluppo dell’intelligenza”

La vera intelligenza ci consente di cogliere in ogni istante quanto siamo piccoli e quanto siano piccoli in realtà i nostri problemi di fronte a tutto il resto; ci consente di guardare negli occhi gli altri e ampliare i nostri orizzonti,  di cogliere la bellezza e l’irrepetibilità di ogni istante vissuto, di crescere da ogni esperienza, di costruire e non solo distruggere e infine ci consente di vivere e non solo sopravivvere.

E allora lasciatemelo dire: il Dottor House è tutto, ma proprio tutto, fuor che intelligente!

Condividi