Influenza e vaccino: la TV più clemente!
05/01/09
Agopuntura ed elettricità
07/01/09
Influenza e vaccino: la TV più clemente!
05/01/09
Agopuntura ed elettricità
07/01/09

La cefalea si può sconfiggere

Le informazioni contenute in questo sito non possono ASSOLUTAMENTE sostituire una visita o il parere forniti dal proprio medico o specialista, ne sostituire, modificare o affiancare eventuali terapie o cure in corso.
Termini e Condizioni

Ho sofferto di cefalea dall’età di 15 anni,  figlia di madre e nipote di nonna cefalalgiche; tre generazioni di donne, tutte con la cefalea.
Mia nonna dopo anni di sofferenza era passata durante la menopausa dalla cefalea a una serie infinita di disturbi per arrivare all’Alzheimer.
Mia madre fino alla menopausa passava interminabili giorni a letto al buio e silenzio imbottita di farmaci  aspettando che passasse.

Non potevo accettare di essere così e nonostante le mie crisi di cefalea, resistevo al letto e cercavo di continuare a vivere la mia vita,  finchè potevo ovviamente.
Rifiutavo i farmaci un pò per principio, un pò perchè non trovavo sollievo, ma solo un aumento del malessere e del senso di inadeguatezza.
Temevo sempre che la crisi arrivasse nel momento meno opportuno, quando dovevo fare qualche cosa di speciale e di importante. Solo parlare della mia cefalea mi faceva sentire una lieve oppressione in regione temporale sinistra. La cefalea anche se assente era una presenza continua.

 

Tutto è cambiato quando ho deciso di frequentare il  primo anno di corso di Agopuntura a Milano; mentre i miei colleghi si chiedevano ancora che senso avesse la Medicina Cinese ( e molti se lo chiedono ancora adesso!) rispetto al consueto ragionamento della Medicina  Occidentale, io iniziavo a pungermi fiduciosa!
Certo un pò goffamente all’inizio, ma ero la mia prima paziente!

Da subito ho sentito un aiuto, una possibilità di uscita, e ho continuato. Non ho mai smesso di curarmi, e oggi mi pungo solo saltuariamente, al massimo una volta al mese, ma prima anche 2 volte alla settimana e più, se necessario. Ne è passato del tempo da allora, ma da oltre 3 anni non ho più una crisi e non mi sembra vero.

Mi sono poi dedicata anima e corpo allo studio delle tecniche più efficaci e più raffinate per curare i diversi tipi di cefalea, e oggi nel mio studio posso dire non senza un briciolo di orgoglio, che nell’ultimo anno tutti i pazienti con cefalea hanno avuto uno splendido miglioramente.

Le crisi diminuiscono gradualmente di intensità e di frequenza fino a sparire, e devo dire che il percoso che per me è durato 3 anni, per loro si fa sempre più breve: da 1 a 3 mesi in media.

Mi rivolgo quindi a tutti coloro che soffrono di questa patologia in particolare alle donne che ne sono di solito più colpite e mi sento di dire loro:
La soluzione non solo esiste, forse ne esiste anche  più di una  e quindi  non perdete la speranza e lottate.

E per concludere vi consiglio di intimare con grinta e determinazione al vostro mal di testa:
Un bel “Dodge this!” (Schiva questo!), vedi Trinity …

[media=1]

 

 

 

 

 

Condividi