Ricette ghiotte per celiaci: zuppa frantoiana senza glutine ne uova – by Gabriella
1 febbraio, 2016
Educazione all’autotrattamento
15 febbraio, 2016

Capodanno cinese 2016: anno della Scimmia di Fuoco – Bazi

capodanno-cinese-2016-anno-della-scimmia-di-fuocoCon l’8 di Febbraio inizia secondo il calendario cinese la primavera e con essa il nuovo anno, in questo caso l’anno della Scimmia di Fuoco, composto dal ramo celeste Bing o Fuoco yang e dal tronco terrestre Shen Metallo yin.

Il tronco terrestre Shen è collegato all’animale scimmia e il ramo celeste Bing al suo elemento associato, il fuoco da cui Scimmia Rossa o Red Monkey o anche Fire Monkey.

Il metallo yin rappresenta i metalli preziosi come l’oro, l’argento e il platino a differenza del metallo yang che invece rappresenta metalli più grossolani come il ferro e l’acciaio la cui utilità viene espressa da un utensile e da una funzione precisa. Il metallo yin ambisce a un ruolo meno pratico e utile ma più estetico e simbolico.

Si tratta come l’anno scorso di una coppia di elementi formata da nonno e nipote, un controllore e un controllato, il fuoco che controlla il metallo. Una bellissima immagine può sorgere nelle nostre menti, per esempio una fornace di fiamme ardenti che fonde l’oro per farne un anello.

Il metallo yin come l’oro necessità del fuoco per diventare un gioiello. Solo allora la sua natura prenderà una forma e con essa potrà esprimere al meglio la sua bellezza e il suo messaggio.

In tempi duri parrebbe più adeguato un utensile da lavoro a un gioiello da mettere in mostra.  Per molte persone il gioiello è un oggetto inutile e viene snobbato e spesso giudicato come non indispensabile e come un vezzo oppure un capriccio.

Tuttavia anche il gioiello rappresenta una cosa dalla quale non dobbiamo mai separarci, l’arte del creare un oggetto per il gusto di cercare la bellezza, di indossarla con consapevolezza come celebrazione della vita e del piacere e infine di regalarla come inno all’amore.

Che quest’anno possa regalarci la lucidità dell’oro nel quale rispecchiarci e la capacità di vivere e donare piacere fine a se stesso.

 

Condividi

Commenta con FB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *