Autunno e depressione in agguato

sad_autumn_dog-962718Secondo il calendario cinese, non stiamo per entrare in Autunno ma ci stiamo avvicinando al massimo dell’influenza data da questa stagione, influenza che molti hanno notato nel clima che è radicalmente cambiato e nella natura che ci circonda ma che solo in pochi hanno osservato come cambiamento al proprio interno.

Malinconia, tristezza, poca voglia di fare attività fisiche, voglia di restare a casa e se possibile sul divano oppure addiritura a letto, voglia di mangiare continuamente, senso di solitudine, senso di incompiutezza o di inadeguatezza. Il non piacersi allo specchio anche se siamo abbronzati magari per quei pochi kili in più che ci pesano come fossero 30 e ci fanno sentire incapaci. Tutto ci pesa di piú.

Niente paura questa è l’influenza della stagione dominata dall’organo polmone, imperatore dell’autunno, la cui emozione è appunto la tristezza, un’emozione come un’altra ma i soggetti a rischio devono correre immediatamente al riparo senza indugiare con un “tanto adesso passa“.

Quali sono i soggetti a rischio?

Quelli in terapia con antidepressivi sono i primi, non pensate di essere al riparo con la sola terapia farmacologica. Subirete comunque l’influenza esterna anzi la subirete con maggior violenza. A questi particolari pazienti consiglio di associare per tutto il periodo autunnale trattamenti complementari fitoterapici e di agopuntura con regolarità e controlli ravvicinati per valutare se la terapia è sufficiente a bilanciare e sostenere il tono dell’umore.

I depressi border-line sono quelli che hanno avuto magari bisogno in passato di un aiuto farmacologico o fitoterapico, o che magari hanno di recente avuto un lutto oppure un grosso cambiamento e si sentono fragili e in difficoltà. A queste persone è utile mantenere i trattamenti di agopuntura ravvicinati per il periodo di settembre-ottobre.

I soggetti che si sono stancati troppo durante l’estate, le donne in menopausa e tutte le persone molto sensibili; per loro questo è un momento delicato nel quale lo sport può essere un aiuto ma facendo attenzione a non esagerare soprattutto  su alcune costituzioni fisiche: ecco che su questi  le arti marziali e lo yoga sono da favorire per evitare di disperdere energia.

Il mio consiglio è: non aspettate! Iscrivetevi subito in palestra, a corsi di Yoga o Taichi  e soprattutto ascoltatevi, imparate a capire cosa vi fa stare bene e cosa no, non siamo tutti uguali. Se alla vicina di casa fa bene correre non è detto che faccia bene anche a noi e se dopo una corsa siete svuotati e affamati da svuotare il frigo e mettervi a letto non è per voi, se invece vi sentire più sollevati e leggeri dovete usare il fisico in modo attivo. E se il tempo lo consente uscite a farvi delle lunghe passeggiate nella natura, è molto più vicina di quanto non si creda.

Se invece pensate che adesso dovete risparmiare perchè le vacanze ormai sono finite e dovete solo lavorare con la testa bassa, non ascoltate i vostri sintomi di allarme e non vi curate subito, la depressione puó subdolamente prendere il sopravvento e mettervi anche in seria difficoltà. La prevenzione di questo diffuso e pandemico disturbo del tono dell’umore è molto  importante soprattutto ai giorni nostri in cui il contatto con la natura è minimo e il senso di sé è collegato quasi esclusivamente a denaro e successo.

L’agopuntura, ricordo a chi non la conoscesse, è un meraviglioso equilibratore del tono dell’umore e lavora su entrambe le facce della depressione, sull’apatia ma anche sull’euforia, cosa che spesso il farmaco non riesce a fare e che anzi può slatentizzare questa dualità.

Infine, trattare subito con l’agopuntura ai primi segni di allarme consente al netto un enorme risparmio in termini di spese sanitarie. Basti pensare al mancato lavoro e rendimento ma anche a tutte le malattie secondarie  e correlate con un disagio del tono dell’umore non trattato come gastrite, colite, dolori muscolari, insonnia solo per fare qualche esempio.

Commenta con FB

Commenta con il tuo account...

Iscrizione Newsletter
Privacy & Cookies

Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Quindi, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookies tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Puoi trovare maggiori informazioni sulla privacy& Cookie policy di questo sito qui:
Privacy policy

Un post a caso
  • Alimentarsi con cura
    Non la chiamerei dieta ne regime alimentare, nomi che già impongono una restrizione non solo alimentare ma mentale; nella mia idea di nutrizione accurata il concetto deve prima nascere da una convinzione mentale il cui …