Agopuntura in Ticino: quali casse la rimborsano e in quale misura?

Agopuntura-cassa-malati-ticinoSuccede a molti pazienti di essere sicuri di poter fatturare le prestazioni di agopuntura con la loro assicurazione complementare. La cosa è leggermente più complessa di così e mi pare giusto dedicare del tempo anche a questo aspetto cosa che purtroppo non viene affrontata con sufficiente chiarezza da parte di molte casse malati.

L’agopuntura come prestazione sanitaria è rimborsabile dalle casse complementari in misura variabile a seconda del tipo di contratto individuale stipulato, rimborso minimo del 50% a un rimborso massimo del  100%  mediamente da un rimborso del 75-80% della spesa di solito in assenza di una franchigia oppure con una franchigia relativamente bassa anche qui variabile da cassa a cassa; anche il numero delle prestazioni annuali oppure la spesa annua è di solito quantificata e dipendente dai diversi tipi di contratto.

Ovviamente al paziente sta la conoscenza del suo personale tipo di contratto, quello che pochi sanno e che invece fa la differenza è che l’agopuntura rimborsata dalle casse complementari deve essere eseguita da un terapista complementare agopuntore, ovvero da un agopuntore non medico oppure da un medico agopunture che abbia rinunciato alla fatturazione sotto la LaMal  per tale prestazione.

Molti medici specialisti che praticano l’agopuntura come seconda attività possono decidere di fatturare la prestazione di agopuntura sotto la complementare e la specialità medica FMH di cui si occupano nella maggior parte del loro tempo sotto la LaMal.

Altri medici  come me, dedicano all’agopuntura la stragrande maggioranza del loro tempo possono scegliere di fatturare sia la specialità medica FMH che l’agopuntura sotto la LaMal per favorire i pazienti cronici e più compromessi. Per loro la franchigia è molto bassa, si supera facilmente e il resto è rimborsato per il 90% con la possibilità di prolungare il trattamento settimanale e talora anche bisettimanale per l’intero anno se necessario.

In gravidanza dopo la 13° settimana l’agopuntura può passare interamente sotto la LaMal con un rimborso del 100%  in totale assenza di franchigia, trattando nausea, dolori come la sciatica e la lombalgia oppure casi di cefalea o di cistite cronica ma anche di allergia senza fare ricorso ad alcun farmaco. Trattamento inoltre riconosciuto come utile per facilitare il parto riducendo i rischi correlati ad esso e raccomandato dal Sistema Nazionale Svizzero nelle ultime settimane di gravidanza come vera e propria preparazione al parto. Purtroppo solo i ginecologi agopuntori  usano questa bella iniziativa nazionale, facilmente i ginecologi non agopuntori la ignorano completamente lasciandola  nel regno del “conosco la materia”, oppure del “non saprei di quale agopunture fidarmi” e questo talora è sufficiente per scoraggiare le donne che l’avrebbero fatta con piacere sia per combattere alcuni disturbi che come preparazione al parto.

L’agopuntura diventa di nuovo interamente rimborsata in caso di infortunio, intesa come tecnica riabilitativa e antidolorifica, anche se poco nota, e considerata in ambiente sia ortopedico che neurologico. Viene infatti spesso dimenticata come tecnica a favore della fisioterapia e delle terapie fisiche quali tecar, tens.

Invece in caso di trauma l’agopuntura non dovrebbe mai essere dimenticata perché accelera il recupero motorio soprattutto se associata alle normali tecniche riabilitative. Riduce l’edema e l’infiammazione, riduce conseguentemente la rigidità e il dolore e favorisce il recupero funzionale della parte lesa. Questa azione è molto tenuta in considerazione in Cina, sia in clinica neurologica che ortopedica; in occidente invece è consigliata solo se richiesta dal paziente o in casi di dolore incoercibile.

Infine in geriatria, in particolare nei pazienti sopra gli 80 anni, l’agopuntura può essere rimborsata anche interamente anche se sono in pochi i pazienti a saperlo.

La fattura viene rimborsata per il 90% dalla LaMal con la possibilità di inviare il restante della somma alla cassa complementare. Il paziente anziano ha grandemente beneficio dall’agopuntura sia per i dolori che per numerosi disturbi cronici come l’insonnia, l’ansia, la stanchezza generale, la depressione del tono dell’umore, la stitichezza oppure l’insonnia. Il trattamento non è quasi mai consigliato dal medico generico ma se il paziente la richiede di solito non ci sono obbiezioni in quanto l’agopuntura è molto ben tollerata e consente di limitare la politerapia farmacologica ormai riconosciuta come francamente dannosa soprattutto in tarda età.

In termini pratici e per spendere il meno possibile denaro se siete in infortunio, in gravidanza oppure se avete superato la vostra franchigia o se la potete superare facilmente, cercate un agopunture medico riconosciuto dall’ASA che fatturi sotto la LaMal se invece siete giovani e sani e con una franchigia molto alta è preferibile che cerchiate un terapista dell’agopuntura oppure un agopunture medico che non fatturi sotto la LaMal ma esclusivamente sotto le casse complementari.

Vi consiglio quindi prima di iniziare con le sedute di agopuntura di capire esattamente quale è la vostra condizione ottimale e di chiedere al medico quale sistema di fatturazione viene usato; questo per non avere sorprese sgradite magari alla fine del trattamento. E’ chiaro che la scelta del medico o terapista non sarà fatta unicamente su questo aspetto: sono indispensabili l’empatia e la fiducia che viene trasmessa al paziente, come la cura dell’ambiente e l’igiene ma è certamente utile conoscere anche la situazione nel suo insieme prima di partire per un percorso terapeutico di agopuntura che è peccato interrompere solo per motivi economici quando invece il beneficio è reale e magari più che utile per trattare situazioni patologiche come una dipendenza farmacologica da sedativi o ansiolitici per fare solo un esempio.

Commenta con FB

Commenta con il tuo account...

Iscrizione Newsletter
Privacy & Cookies

Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Quindi, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookies tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Puoi trovare maggiori informazioni sulla privacy& Cookie policy di questo sito qui:
Privacy policy

Un post a caso
  • Correzione posturale: attenti agli effetti collaterali
    Strano a dirsi, oltre ai temuti e conosciuti  effetti collaterali avversi dovuti  all’utilizzo prolungato o inadeguato di medicine chimiche esistono effetti collaterali non solo dalla assunzione  acefalica di sostanze naturali  ma anche da consigli comportamentali …