Amore e libertà
3 gennaio, 2014
Dimagrire senza sforzo è possibile?
13 gennaio, 2014

Polipi nasali: l’utilizzo dell’Agopuntura in ambito chirurgico

Questo è solo un piccolo esempio di quanto facile sarebbe inserire l’Agopuntura in numerose pratiche chirurgiche.

Come vedrete dal filmato il posizionamento di alcuni aghi su punti come LI 4-Hegu tradotto in “Fondo della valle” localizzato sulla mano e su punti del viso come Yintang “Stanza dei sigilli” e LI20 Yingxiang “Accoglienza dei profumi”, tutti utili per trattare la regione nasale è facilmente ottenibile in pochi secondi.

Questi piccolissimi aghi si possono tenere per tutta la durata dell’intervento di  asportazione del polipo nasale applicando piccoli cerotti di carta.

Il risultato è quello di ridurre significativamente il dolore locale, l’infiammazione e la cicatrizzazione in sede postchirurgica. Inoltre in casi di altri interventi più importanti gli aghi possono essere poi mantenuti oppure riposizionati anche nei primi giorni postchirurgici.

Sarebbe possibile ridurre il dosaggio dei farmaci analgesici ed antinfiammatori e in alcuni casi arrivare anche a ridurre i giorni di degenza ospedaliara o riabilitativa. In termini economici un grande vantaggio come spiega il medico agopuntore.

Certamente un discorso di nessun interesse per le case farmaceutiche ma che dovrebbe stare a cuore di tutti i medici e pazienti.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Condividi

Commenta con FB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *