Attenti ai sandali aperti e agli infradito

infradito-pericolosiCon il caldo arriva la voglia di non togliersi di dosso sandali e infradito e di usarli sistematicamente  al posto delle scarpe per andare in giro. Alcuni sono davvero deliziosi anche esteticamente e hanno l’ineguagliabile fattore di essere a bassissimo costo.

Attenti però perché possono dare anche dei problemi seri. Chi soffre di insufficienza venosa li trova comodi perché non stringono, ma l’appoggio del piede se totalmente piatto senza o con un  tacco troppo basso produce una sollecitazione prima muscolare e nervosa insufficiente per il ritorno venoso che già è messo a dura prova dal caldo e può affaticare maggiormente le gambe.

Queste calzature poi tendono a favorire un passo strisciato dove il piede non viene adeguatamente e correttamente sollevato dal pavimento ad ogni passo e  anche contribuisce a una meccanica non completamente corretta dello schema del passo stesso. A parte il rumore dei piedi sul pavimento che io personalmente trovo poco gradevole e tanto meno elegante  si deve considerare che meccanicamente la deambulazione così fatta altera inevitabilmente anche la postura e se ci sono dei problemi lombari o alle articolazioni delle ginocchia questi possono saltare maggiormente fuori proprio magari nel bel mezzo della nostra agognata vacanza.

Esiste poi un altro pericolo dato dalla fretta e dalla nostra abitudine a calzare scarpe chiuse per il resto dell’anno. Infatti può accadere che scendendo le scale la ciabatta ci anticipi e questo anche quando acceleriamo il passo o solleviamo la gamba per superare un ostacolo. Ecco che di nuovo si presenta un altro fattore decisamente da considerare che è quello della caduta data dallo scivolamento anteriore della ciabatta rispetto al piede o dall’abitudine a non sollevare il piede e quindi alla possibilità di inciampare in un ostacolo.

Se non siete più giovanissime e quindi avete dei riflessi non più veloci come prima, se avete scale o percorsi accidentati da fare, se avete dei figli a cui badare e quindi dovete scattare, se avete lunghi percorsi di strada da fare e magari anche problemi alla schiena e alle caviglie o ginocchia non esitate a prendervi dei sandali tecnici: spenderete di più ma il vostro piede sarà sostenuto da un plantare, avrete una suola di gomma antiscivolo e il piede e la caviglia ancorati al sandalo, cosa che vi consentirà di saltare, accelerare e schivare ostacoli senza neanche pensarci.

Un prezzo decisamente più elevato e un’estetica indiscutibilmente non femminile ma in certi casi forse è meglio essere pratici e investire sulla salute piuttosto che solo sull’estetica.

Commenta con FB

3 risposte a Attenti ai sandali aperti e agli infradito

  • fernando scrive:

    Vorrei sapere se potete indicarmi qualche tecnica o qualche rimedio naturale x far rientrare una piccola ernia inguinale. Vi ringrazio x l’attenzione e vi auguro buon lavoro. Fernando

  • marina scrive:

    come hai ragione!!!!!!!io con questa mia smania delle ciabattone(che da giovanissima odiavo) ora sono andata incontro alla spina callcaneare che mi perseguita da circa un anno pur usando il plantare fattosu misura!!!!!!!!!!!

  • marina scrive:

    come hai ragione!!!!!!!!!!! io per queste benedette scarpe raso terra che, a mio dire, mi ” fanno volare”,mi sono trovata a dover sopportare una dolorosissima spina calcaneare che mi trascino da un anno e che mi rattrista perche non posso fare le mie amate camminate!!!!!!!! quali scarpe consigli Catherine???ciao buon ferragosto e grazie

Commenta con il tuo account...

Iscrizione Newsletter
Privacy & Cookies

Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Quindi, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookies tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Puoi trovare maggiori informazioni sulla privacy& Cookie policy di questo sito qui:
Privacy policy

Un post a caso
  • Correzione posturale: il disagio psichico
    Lo dicono ormai tutti gli psicologi, lo si trova anche sui rotocalchi che affrontano il benessere e la salute; un disagio psichico si vede e si manifesta esteriormente. A parte il fatto che crea un’ovvia …