La follia si può curare?

Non ci si può credere, gli avvenimenti del mondo politico Italiano ci hanno fatto assistere a un fine settimane che potremmo definire da follia, un caleidoscopio di eventi senza senso che hanno tristemente  e inspiegabilmente ripreso ad avere un senso anche se totalmente fasullo e totalmente fuori dalla realtà.

Come tutti sappiamo la psicosi, una volta chiamata follia, è una delle patologie più severe da curare in primis perché il più delle volte chi ne soffre difficilmente se ne rende conto e quindi non accetta le cure e tanto meno l’idea di essere malato, oppure ancora peggio passa da un medico all’altro lamentando continuamente gli stessi disturbi ma senza accettare veramente di mettersi in  cura e di assumere le terapie proposte.

Non accettano le terapie psicologiche fatte dai professionisti più esperti e non vogliono assumere i farmaci che purtroppo sono  ancora pochi e talora con severi  effetti collaterali ma assolutamente indispensabili.

Le vere e più severe malattie mentali sono quelle che non consentono a chi ne soffre di  aderire alla realtà. I pazienti si dice in termini tecnici presentano disturbi produttivi, ovvero producono e vivono in una sorta di mondo parallelo nel quale è quasi impossibile penetrare. I pazienti sentono, vedono, pensano e credono a fatti interamente prodotti dalla loro mente in modo talora completamente o parzialmente inconsapevole.

Succede poi in molti casi che chi ne soffre conduca con sé i suoi parenti stretti in un delirio collettivo. Questo perché la realtà non può essere  mai affrontata direttamente senza arrivare a uno scontro o un rifiuto da parte del paziente che può concludersi con decisioni talora brusche e violente; ecco che coloro che veramente amano oppure sono sinceramente affezionati al paziente psicotico sono gioco forza costretti ad assecondarlo in modo più o meno consapevole e cosciente per non essere allontanati o peggio aggrediti.

Ho visto il terrore negli occhi di alcune mamme davanti ai loro piccoli figli affetti da psicosi e vi assicuro che è qualcosa di terribile e di molto pericoloso per la salute dell’intero nucleo famigliare. Se ci sono più figli per esempio il rischio è che anche quelli sani vengano in un certo senso non considerati o trattati in modo non corretto per le loro personali esigenze.

Le istituzionalizzazioni, i ricoveri in strutture specializzate e gli aiuti esterni da personale competente fatti in alleanza con i parenti sono in questi casi  la soluzione più utile a tutto il nucleo famigliare. Ma quando i parenti sono coinvolti anche loro nel delirio collettivo oppure quando il soggetto nega completamente la sua patologia pur di non affrontarla, la cura e gli aiuti non sono possibili ovvero non sono in grado di raggiungere l’obbiettivo.

Il paragone con questa malattia a mio parere calza; i politici che hanno la possibilità di fare qualcosa sono tutti lontani dalla realtà e i politici che potremmo definire sani sono totalmente senza strumenti per poter fare la differenza; è come se non esistessero. Si sente parlare sempre degli stessi nomi, è un rituale malato che si autoalimenta… una patologia che potrei definire estremamente pericolosa e perniciosa; la più difficile da curare che io conosca.

 

 

 

Commenta con FB

Una risposta a La follia si può curare?

  • ivabellini scrive:

    hehehe….ma la follia sociale non si cura mica! 🙂
    Secondo me come c è lo ying e lo yang, c è il caos e la follia, la follia quindi per me è parte integrante della realtà, come controparte ha il caos, esattamente come lo ying è la controparte dello yang, semplice!
    I folli sono sempre presenti e immortali nel mondo umano, guaiiiii se mancasserò! Saremo degli animali non umani, delle bestie, non degli animai umani!….è utopistico e cretinistico un mondo senza follia!
    Questi folli sono forse cattivi, idioti, stupidi…..mi riferisco ai folli responsbili di questo schifo politico….per me è solo questione di punti di vista, secondo loro sono responsabili e salvatori della patria (la loro patria)….io gli do ragione e pure una bella pacca sulle spalle come si fa con un tipo che gli manca qualche venerdì!….però gli dico anche di levarsi dai piedi….

Commenta con il tuo account...

Iscrizione Newsletter
Privacy & Cookies

Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Quindi, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookies tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Puoi trovare maggiori informazioni sulla privacy& Cookie policy di questo sito qui:
Privacy policy

Un post a caso
  • Quando si sa comunicare…
    … tutto diventa possibile! Guardate questo video che meraviglia. Grazie a Valentina per averlo scovato! Correlati Commenta con FB