Auguri di Buon Natale e Buone Feste
23 dicembre, 2012
Vita di Pi un film speciale
31 dicembre, 2012

Anno 2013: agopuntura all’Ospedale Sacco di Milano e a Cremona

Si conclude un anno e se ne sta per aprire un altro, all’insegna delle novità e dei cambiamenti.

A Cremona l’attività si trasferisce dalla sede attuale a Corso Garibaldi 10, in pieno centro e a due passi dall’inizio della zona pedonale. Il parcheggio è comunque a cinque minuti a piedi anche se l’accesso in auto resta garantito per chi ne avrà bisogno.

A Milano invece si apre una nuova avventura molto importante; da Gennaio sarò infatti presente all’Ospedale Sacco di Milano come consulente e referente in un nuovissimo ambulatorio dedicato alle medicine complementari ed alla Medicina Tradizionale Cinese in particolare.

Un incarico che riveste particolare importanza, dato che sarò il primo medico in Lombardia ad essere assunto presso una struttura pubblica unicamente come specialista in medicine complementari; sicuramente un segno di lungimiranza ed apertura mentale da parte dell’amministrazione dell’Ospedale Sacco, che si è potuto realizzare grazie soprattutto alla grinta ed alla determinazione della Dott. ssa Antonella Sparaco.

Un nuovo punto di attività che mi consentirà, in aggiunta all’altro polo di riferimento presso il Manara Medical Center, di seguire in due diversi giorni alla settimana quei pazienti più acuti ed allo stesso tempo fornire un’attività ed una posizione facilmente raggiungibile anche per chi vive nella zona Nord di Milano.

Trovate tutti i riferimenti nella pagina dedicata ai contatti.

A presto quindi vi aspetto nelle nuovissime sedi per iniziare con entusiasmo un nuovo anno.

 

Condividi

Commenta con FB

5 Comments

  1. ornella brigo ha detto:

    😀 😆 😆 😆 complimentoniii…bellissimo!!!!

  2. federico ha detto:

    Complimenti!

  3. ivabellini ha detto:

    Si deve presentare un impegnativa del medico di famiglia per la terapia al Sacco!?

    • Cathe ha detto:

      Gentilissimo Ivano le prestazioni di agopuntura per esterni restano terapie private e non a carico del servizio sanitario nazionale. Per ora è così è comunque un primo passo.

      • ivabellini ha detto:

        mmmm…ho capito, magari cerchero di infilarmi in qualche letto di quell ospedale (magari si mangia pure bene)….possibilmente senza finire sotto una macchina….
        Ok ok vada per il primo passo! Va bene dottoressa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *