Donne: tacchi si o tacchi no?
18 giugno, 2012
Ricette per mangiar sano: il riso di Lucia
25 giugno, 2012

Stabilità e libertà

Molte persone scambiano la stabilità con la rigidità ma sono due concetti completamente diversi. La stabilità è un principio che si estrinseca in senso fisico e in senso psicologico. Trattandosi appunto  di un principio le sue regole e valori sono presenti sui diversi piani, da quello più materiale a quello più rarefatto delle emozioni e del pensiero.

Nella materia qualunque oggetto si voglia sviluppare in altezza dovrà essere saldamente piantato nel terreno con delle fondamenta e questo concetto è chiaro a tutti i costruttori di case. Ma se consideriamo la natura, le radici che affondano nel suolo sono un concetto di stabilità che, a differenza delle fondamenta, costituisce anche la  fonte di energia nutritiva e di vitalità della pianta stessa.

Cosa significa per un uomo mettere radici? Non di certo fermarsi in un punto come molti pensano o fare sempre le stesse cose; significa cercare in profondità nella propria persona che non è solo la piccola forma fisica che si riesce a vedere allo specchio, una fonte di nutrimento e una possibilità di crescita interiore che sono le nostre vere radici, vale a dire quello che intimamente sentiamo di essere e un senso di appartenenza estremamente profondo spogliato dalla nostra condizione economica e sociale.

In senso fisico la stabilità può anche essere considerata come un principio di aderenza e di unione con la terra, pianeta che ci ospita, il nostro corpo inteso come una cosa sola insieme a tutti gli altri corpi e strutture  minerali, vegetali e animali… un tutt’uno.

Immaginate ora di eseguire un esercizio di equilibrio su una singola gamba e sentirla piantata nel terreno come se avesse non una ma quattro radici come quelle dei molari, radici profonde che arrivano fino al centro della terra e dai piedi l’energia del pianeta può accedere alla vostra pancia. Fantascienza alcuni potrebbero dire. Ma provate solo per un istante a sentirvi così! Il risultato è che davvero avrete un equilibrio mai provato e vi sentirete stabili e forti come delle rocce. Un effetto e gioco della mente direbbero ovviamente i sostenitori dell’effetto placebo. E di cosa altro stiamo parlando se non della mente?

Una mente che indiscutibilmente influenza il corpo. Nello yoga e in molte arti marziali il principio di stabilità al suolo è parte integrante della base dell’insegnamento. L’Hakama è un immagine di questa immaginaria piramide energetica che radica al suolo l’energia del praticante. Nello yoga molta attenzione viene data all’appoggio dei piedi e delle mani al suolo immaginando 4 punti localizzati rispettivamente sulle piante dei piedi e sui palmi delle mani che fungono da immaginarie radici.

Una volta raggiunta una forte stabilità fisica è possibile sperimentare sul piano fisico un notevole incremento di elasticità  e di velocità, che si traduce in un concetto di aumentata libertà motoria. Ma come potrete intuire vale anche sul piano mentale. Se dentro di noi troviamo una profondità e cresciamo in essa con delle belle radici nutrite e che ci nutrono, non solo avremo la possibilità di crescere maggiormente in altezza e in ampiezza nel senso di sviluppare i nostri talenti e le nostre capacità mentali ed emozionali in modo equilibrato ma  potremo anche, con lo stesso meccanismo osservabile sul piano fisico, diventare meno rigidi al cambiamento e più veloci nell’adattarci alle situazioni intorno a noi.

In entrambi i casi si tratta di un esercizio di pensiero; il primo utilizzato durante le attività fisiche e l’altro nelle attività più interiori. Ma come si fa a trovare quella profondità e sviluppare le nostre radici? E’ sufficiente usare il proprio pensiero che non vuol dire il chiacchiericcio della mente e neanche il comune pensiero appreso dai libri: vuole dire creare un collegamento personale tra idee apprese e situazioni vissute, sviluppare un proprio sentire interiore studiando e soprattutto ascoltandosi che significa cogliere cosa succede dentro di noi e perchè succede, quali emozioni si scatenano e cosa proviamo. Ascoltando dalla natura e dagli altri cosa abbiamo da imparare, non fosse altro che la capacità di cogliere la bellezza che in realtà si trova tutta intorno e dentro di noi.

Condividi

Commenta con FB

4 Comments

  1. Fede ha detto:

    Bellissimo!

  2. Walter ha detto:

    Post stupendo! Scusa ma i punti nei piedi e nelle mani sono localizzati in specifiche aree?

    • Cathe ha detto:

      Si i punti sono precisi e ben localizzati, per capire senza troppo fatica di nomi astrusi, per la mano devi provare a trasformare il palmo in un quadrato e avrai i quatto punti, per il piede devi provare a trasformarlo in un trapezio isoscele le due diagonali corrono ai lati del piede la base ristretta si trova al tallone e quella più grande alla base delle ossa metatarsali e di nuovo avrai i quatto punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *