Il fenomeno del cinepanettone
4 gennaio, 2011
L’agopuntura: fa dimagrire?
10 gennaio, 2011

L’Epifania che si porta via?

EpifaniaPoca importanza è data a questa festa inizialmente pagana e poi volutamente cristiana, che si festeggia 12 giorni dopo l’avvento considerandolo il battesimo di Gesù.

Si dice che l’epifania le feste si porta via, ma non solo direi.

Per il calendario cinese il 6 gennaio non a caso immagino è la fine ufficiosa dell’inverno, e l’inizio della stagione di transizione verso la primavera. Al di là del fatto che ovviamente fa ancora un freddo becco, e su questo non si discute, è altresì vero che il sole riprende lentamente la sua rivincita, ovvero la luce nuovamente manda via il buio e le tenebre.

Il simbolismo della donna vecchia e brutta, collegata con la morte dei bambini di alcune tradizioni nordiche ci sta bene. Ma visto che, come tutti gli anni riceverò gli auguri, mi piace questa rappresentazione  di una donna misteriosa che forse raccoglie le erbe medicamentose per fare ricette fitoterapiche….

Il mese di gennaio è collegato all’organo fegato e come animale dello zodiaco al bue, segno di Terra yin esattamente come il mese di Luglio, sappiate che questi due mesi sono strettamente collegati con la stagione che concludono  ovvero con l’inverno per gennaio e con l’estate per luglio ma sono già periodi di passaggio, pertanto periodi non certamente facili per il corpo così come per l’aspetto emotivo.

Sono pronta: fatemi pure gli auguri!!! Ricambierò con piacere!


Commenta con FB

4 Comments

  1. Fede ha detto:

    Allora auguri! (:

  2. Ailinen ha detto:

    Preferisco anche io questa versione di donna misteriosa che va a raccogliere le erbe.
    Auguri e complimenti per il blog.

  3. roberto ha detto:

    auguri di un bellissimo 2011 ,anch’io penso che ci sia un inizio di un nuovo ciclo in tutte le cose.

    • Cathe ha detto:

      Grazie …oggi sono un po’ stanca… tutta la notte a volare con le amiche sopra i tetti… che fatica..dobbiamo motorizzare le scope! auguri anche a voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *