Sesso e stress non vanno insieme!
6 agosto, 2010
Ricette per mangiar sano: Tartare di tonno, mango e riso venere
13 agosto, 2010

Sindrome da arto fantasma: la cura esiste!

casperLa sindrome da arto fantasma è la percezione fisica, molto spesso fastidiosa e dolorosa, di un segmento del corpo in seguito ad amputazione dello stesso.

Per lunghissimi anni in occidente i pazienti affetti da questa patologia, in particolare i reduci di guerra, sono stati considerati visionari e trattati con dosi massicce di farmaci antidepressivi e antipsicotici.

La triste ma reale somma algebrica era: alterazione della realtà uguale disturbo della personalità.

Sono dovuti passare anni, e descrizioni lucide e dettagliate  da parte degli sfortunati pazienti, prima di ammettere che una base scientifica all’origine di questo disturbo potesse esistere.

Ecco che oggi la cosa si spiega  con la presenza  nel cervello di uno  schema rappresentate l’intero corpo che non si modifica dopo l’avvenuta amputazione.

E’ come se  i nervi recisi andassero in tilt e continuassero a mandare  informazioni  in salita sul segmento amputato. Il più delle volte non si tratta solo della sensazione di avere ancora il segmento, ma di sensazioni esasperate (che in neurologia vengono descritte come disestesie) e che di solito sono la conseguenza di una nevralgia o infiammazione del nervo colpito.

Prurito, freddo, caldo, dita accavallate, dolore, sono di solito sensazioni sgradevoli ma soprattutto che non danno tregua. In un certo senso è come se il cervello fosse sopraffatto e invaso da queste informazioni fasulle in entrata. Non esiste farmaco  in grado di dare  sollievo a questo disturbo in modo permanente e soddisfacente. Meglio sarebbe dire che purtroppo sono moltissimi  i farmaci utilizzati in questo campo in modo del tutto sperimentale. La Marihuana è fra le sostanze più utilizzate, anche se in molti casi la dipendenza e le dosi inevitabilmente aumentano col tempo.

Anche in questo caso i medici le tentano tutte, pur consapevoli dei danni secondari di molte sostanze farmacologiche, e ancora  nessuno pensa al possibile utilizzo dell’agopuntura. Sono andata a cercare su Pubmed e sono in effetti pochi e poco significativi i lavori scientifici proposti a favore dell’utilizzo dell’agopuntura nella sindrome dell’arto fantasma (come per moltissimi altri disturbi, d’altronde).

Io stessa, fino a qualche mese fa, non avevo mai avuto modo di trattare nessun paziente affetto da questa patologia. Cionostante, quando un paziente mi ha chiesto telefonicamente se poteva funzionare, in modo impulsivo e senza avere dubbi ho risposto in modo affermativo. Questi anni di lavoro con la sola agopuntura mi hanno permesso di percepire, anche se talora in modo del tutto istintivo, le possibilità terapeutiche di questa antica disciplina.

Sul dolore in genere, e in particolare sul dolore nevralgico, l’applicazione dell’agopuntura è potentemente antalgica ed efficace; perché non dovrebbe esserlo anche sull’arto fantasma? Presa da entusiasmo ho subito telefonato al mio maestro, il Dott. Picozzi, che si occupa di agopuntura da oltre 20 anni ed è forse l’agopuntore Italiano  con più alta casistica di pazienti trattati. Anche lui mi ha detto di non avere mai trattato pazienti amputati e che ricordava solo il caso di un paziente, all’inizio della sua carriera, che per giunta si era sottoposto a pochissimi trattamenti.

Condividi

Commenta con FB

21 Comments

  1. laura ha detto:

    Carissima, sono un medico che si occupa di Agopuntura e medicina non convenzionale. Con piacere ho scoperto il tuo sito e ti faccio i complimenti per tutte le cose interessanti che scrivi! Mi servirebbe il tuo consiglio professionale: devo iniziare a trattare un paziente affetto da sindrome dell’arto fantasma. Anche io, come te, ho subito dato la mia disponibilità nel provare a trattarlo, perchè credo che l’agopuntura possa essere, in casi come questo, un’ottima possibilità. Non ho trovato molta letteratura in merito. Poichè tu hai avuto una esperienza diretta, mi piacerebbe confrontarmi con te su alcuni dettagli più specifici sull’approccio che hai usato: tecnica di stimolazione, scelta dei punti…
    Grazie e buon lavoro.
    Laura

  2. laura ha detto:

    Grazie. Mi faccio sentire presto.
    Laura

  3. ivan ha detto:

    buon giorno,
    sono un figlio di un papà che disgraziatamente è rimasto invalido,
    gli manca dall’anca in giù dell’arto inferiore sinistro.
    Sono ormai 30 anni che è così mammano che passano gli anni la cosa peggiora,
    perchè invecchiando appunto si sopporta meno.
    I momenti peggiori sono durante il cambiamento del tempo diventa veramente pesante!
    gentilmente un aiuto se si può, un posto dove andare, una cura da affrontare,
    veramente un grande grazie anticipato

    • Cathe ha detto:

      Gentile Sig Ivan l’agopuntura non è una terapia per tutti, ovvero non tutti sono in grado di accettarla, è quindi indispensabile che ne parli con suo padre prima di procedere in questa strada. La cura come ha letto sull’articolo è questa anche se non tutti gli agopuntori Italiani hanno una esperienza diretta e pratica come l’ho avuta io. E’ molto carino da parte sua aver pensato a suo babbo, si può in effetti fare molto per aiutarlo. Non esiti a contattarmi sulla mail o sul cellulare ( 3488955372) quando avrete preso una decisione comune. In attesa auguri.

  4. sasuke ha detto:

    sarebbe interessante capire cosa accade alla struttura energetica dei meridiani quando l’arto viene perso o amputato.
    Che effetto può avere trattare i meridiani dell’arto sano o che sono in relazione alto/basso?

  5. Cathe ha detto:

    E’ vero sarebbe bello poterle osservare con gli occhi queste relazioni! Dalla mia esperienza posso intuire che la struttura energetica dell’arto amputato resta ma totalmente scollegata dal resto del corpo. Ovvero non raggiungibile ne contattabile con gli strumenti fisici normali: vista, tatto, movimento, ecc…Il trauma dell’amputazione come tutti i traumi è sicuramente responsabile di un blocco energetico e della formazione di nodi nel sistema che gli impediscono di scorrere normalmente senza intoppi. Ma quanto sarebbe bello vederli! Ciao e grazie

  6. Luca Moretto ha detto:

    Sto impazzendo! non ne posso più!
    Sono 12 anni che questo dolore mi devasta!
    In 12 anni le ho provate tutte, anche l’agopuntura, da due medici, ma ne uno ne l’altro hanno fatto molto.
    Ho provato tutte le cure possibili, tutti i farmaci, impianti perinervosi dal Prof. Borghi del Rizzoli, la terapia con lo SCRAMBLER del Policlinico Tor Vergata è stata l’ultima che ho provato… Nulla…
    E ora, come per tutto il giorno, sono qua che stringo i denti e cerco di non piangere da tanto male ho!
    Ho 35 anni, non sono ne un bambino ne un anziano, non ho voglia di giocare o fare la vittima, ho male, male e male…
    Da una parte il male mi ha portato a dove sono oggi, come artista, con grandi risultati, ma cavoli, ora basta!
    12 anni, dico!
    Avevo, per una sorte beffarda forse, mio padre che per altre cause era senza entrambe le gambe, lui era un medio superiore, (io medio inferiore) ma lui aveva dei giorni dove era sereno! Io ho sempre e solo male, anche quando ho soddisfazioni, quando sto bene, quando sono in momenti di totale felicità perché tutto va bene, la mia giornata è scandita dal male, non è lo stato d’animo, non è la mia mente, è questo dannato nervo, ciò che mi portò alla perdita dell’arto (caso di malsanità…) e alle sofferenze patite per mesi e memorizzate, che anche dopo l’amputazione non sono più scomparse.
    Ad oggi sono in fase di disintossicazione dalla morfina, e Dio mio, quanto male ero preso! oggi è rose e fiori, perché ho deciso che non aveva più senso essere imbottito di schifezze e avere male!
    La forza, solo quella, di volontà mi ha fatto eliminare ormai tutto, ma i dolori, quelli stanno i belli e comodi.
    Se lei fosse in grado di darmi una mano io credo che potrei ringraziarla a vita!
    Credo che non sia un caso se ho trovato questo sito e le sue spiegazioni.
    Ho visto che ha dato il suo numero al Sig. Ivan e me lo segno immediatamente, perché la voglio chiamare quanto prima, sperando di non disturbarla.
    Io credo che andrei anche in Cina per trovare pace!
    Sono stanco di medicine, sono stanco di tutto! Voglio solo pace e poter vivere la mia vita!
    Vivere senza una gamba non è poi così grave, ma con il male, beh, ammetto, a volte mi verrebbe da gettarmi (dalla terrazza) perché mi sento impazzire!
    Poi resisto e spero che domani sia diverso!
    Penso che tutto abbia un senso, come ho detto prima, ma ora basta!

    Dottoressa, scusi la lunghezza e la mia testimonianza, il Prof Borghi, dopo i ripetuti tentativi di revisione moncone da parte del collega Dott. Fabbri (ortopedico/oncologo del Rizzoli – BO del reparto 5^ divisione) e dopo aver provato a farmi delle cure sperimentali con cateteri perinervosi, senza riuscita alcuna, mi ha definito quale “caso più difficile dell’ultimo ventennio del Rizzoli!” Il che non è certo un bel vanto, mi creda, dato che il male è devastante.

    La saluto e ancora, mi scusi per la mia lunghezza…
    Non è mio dono la sintesi, ma ho cercato di farne, e creda che tutta la storia durerebbe un libro.

    Saluti; Luca Moretto
    (artista – anche per “merito” del dolore. Come dire che non tutti i mali vengono per nuocere! Non solo almeno)

    • Cathe ha detto:

      Sig. Moretto, le ho risposto alla sua mail privata, spero abbia ricevuto il mio messaggio…
      In caso contrario, mi scriva ancora o mi chiami direttamente il 5 Settembre.

      Un saluto!

  7. Skender ha detto:

    Salve dottoressa,ho avuto un incidente su lavoro e ho perso il braccio destro completamente dalla spalla in poi.. E anche io ho la sindrome dell’arto fantasma, all’ospedale San Camillo di Roma mi hanno impiantato un neuro-stimolatore,si,il neuro-stimolatore mi aiuta a leviare i dolori, ma la presenza della sindrome dell’arto fantasma tuttora persiste..
    Ho preso il suo numero,se non la disturba, e vorrei contattarla mi dica lei privatamente quando e libera e la contatterò il più presto possibile.
    Grazie e scusi il disturbo,saluti Skender.

    • Cathe ha detto:

      Buongiorno. Chiami pure durante i normali orari di lavoro. Se non potessi risponderle in quanto impegnata in terapia o visite, la richiamerò appena possibile.

  8. Skender ha detto:

    la ringrazio per la risposta,momentaneamente sono all estero appena rientrerò in Italia la chiamerò il più presto possibile.
    La rigrazio nuovamente e buon lavoro.

  9. Mimmo ha detto:

    nessun dolore è per sempre e nessun dolore può essere sconfitto senza una forza interiore che vi assicuro,esisteee!……. Amputato 4/agosto/2011 Disarticolato 7/settembre/2011

  10. sara ha detto:

    buongiorno ho sentito parlare della mirror box therapy, la conoscete?
    il paziente dovrebbe vedere il riflesso dell’arto sano in uno specchio posizionato al posto dell’arto mancante e “virtualmente” muoverlo e rilassarlo, in modo da diminuire i dolori….l’idea non è male, ma come mai non ne parla nessuno???

  11. giuliana ha detto:

    Buongiorno,
    ho 47 anni, impiegata in una multinazionale americana, ho una bimba di 10 anni.
    da 5 anni ho una relazione con un ragazzo (?) di 33 anni. relazione quasi perfetta ma, da un paio di anni, lui ha iniziato a dedicarsi alle maratone, poi alle ultra e ora ai trail. da qualche mese mi sembra molto cambiato, dice di essere depresso, la casa lo opprime, questa società lo opprime :-((
    parla solo di corsa e arrampicate, legge solo di corsa e arrampicate, due anni fa ha laciato il lavoro fisso per lavoretti di tinteggiatura e per darmi una mano in casa (diceva). Ora il ns rapporto sta andando malissimo e temo finirà presto.
    Mi può aiutare a capire?
    Non voglio dare la colpa alla corsa ma…..tutto mi fa pensare a quello….

    Grazie mille!

    Giuliana G.

  12. Patrizia Mora ha detto:

    proprio ieri sera parlavo con un mio vicino di casa che dopo 3 anni dall’amputazione di parte della gamba destra, ancora soffre dolori bestiali per la sindrome dell’arto fantasma. Con la protesi cammina e svolge una vita quasi normale ma soffre tantissimo… e mentre parlavamo io ho proprio pensato “ma vuoi che l’agopuntura possa essere utile?”
    Ora che leggo il suo articolo mi piacerebbe sapere se in provincia di Reggio Emilia o Parma ci fosse uno specialista che abbia trattato con agopuntura questo problema, da poter consigliare al mio vicino.
    La ringrazio e la saluto
    patrizia

  13. Claudio ha detto:

    Buonasera dott.ssa Bellwald, leggo ora l’articolo riguardante i dolori dell’arto fantasma ed il trattamento dell’agopuntura di due anni fa. Molto interessante. Immagino che da allora ad oggi abbia avuto modo di trattare questa problematica. E’ riuscita a far guarire i pazienti con questi dolori tramite l’agopuntura oppure tramite altri rimedi? Le pongo questa domanda perché anch’io ho avuto un’amputazione transfemorale e al bisogno prendo qualche medicinale che eviterei volentieri. In attesa di una sua graditissima risposta le auguro una buona vita. Claudio

    • Maria Rivelli ha detto:

      Caro Claudio, ho letto ora il suo commento di qualche mese fa, e mi chiedevo se ha ricevuto una risposta dalla dottoressa. Inoltre, vorrei sapere che tipo di terapia utilizza quando ha male? Mia madre, purtroppo, non ha ancora trovato una cura efficace, nonostante il suo medico le abbia già prescritto numerose terapie. Grazie, Maria Rivelli

  14. Maria Rivelli ha detto:

    Buongiorno, anche io, sto cercando una soluzione al dolore che tormenta mia madre, che da circa 3 anni ha subito l’amputazione della gamba. È’ costretta sulla sedia a rotelle, perché non è possibile applicare una protesi, data l’età, ma almeno vorrei che questi anni, o mesi o anche solo giorni della sua vita fossero meno duri per lei è anche per chi le sta vicino e la vede soffrire impotente. Noi viviamo a Napoli e vorrei sapere nella nostra città c’è una struttura a cui poterci rivolgere con fiducia. Grazie mille

  15. Cathe ha detto:

    Gentile Sig ra Claudia l’agopuntura in Italia è già usata poco e da molti medici solo per alcune specifiche situazioni, sono certa però che cercando con calma e attenzione sarà forse possibile trovare uno specialista con una buona conoscenza ed esperienza pratica. Le consiglio di iniziare con il sito ufficiale della FISA che le segnalerà i medici nelle sue vicinanze che abbiano fatto una scuola accreditata, poi starà a lei cercare con calma. Non si faccia scoraggiare da chi le dirà che non si può fare niente, molto si può fare per alleviare questo dolore bisogna solo sapere come fare. Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *