Le ricette per mangiar sano: sogliola al vapore con agretti

0Sono davvero tante le pazienti e i pazienti che, dopo aver capito le indicazioni di massima sul mangiar sano, mi chiedono in preda al panico:  “cosa mangio allora?”

Purtroppo il tempo in studio non è sempre sufficiente per dilungarsi sulle ricette; ecco allora l’idea di fare un pò alla volta una rubrica di ricette semplici, tanto per dare una spinta alla fantasia che alcune volte si atrofizza e rende la dieta sana una vera maledizione e noia per chi cerca di serguirla.

Prima di tutto mangiar sano non deve essere affatto una punizone, quindi bisogna incominciare dall’aspetto e anche dall’estetica del piatto che non devono mai essere trascurate.

Poi è necessario avere alcuni  ingredienti freschi e soprattutto buone idee affinche anche il sapore  dei cibi cucinati nei modi più semplici possa  essere stimolante  ed esaltato.

Innanzitutto un buon olio di oliva e spezie, se possibile fresche ma non disdegnerei quelle surgelate come il basilico e il prezzemolo oltre che quelle secche, perchè possono assolutamente essere utili e  talora indispensabili  per ridurre la quantità di sale e dare vita al nostro piatto.

Ma bisogna saper come fare, anche perchè quando  si va a  fare la spesa  si va sempre di corsa e il rischio è quello di non aver a casa il necessario per rendere appetitoso un piatto sano. Allora si finisce per cadere sul già preparato e già pronto, quello più facile e gustoso, della serie: che ne dici  di una pizza? oppure quattro salti in padella?

Un altro strumento assolutamente indispensabile per una cucina sana e facile è la vaporiera elettrica, da molti trascurata, dato che ormai il microonde ha soppiantato tutto. La vaporiera cuoce verdure e pesce in modo semplicemente squisito in  in tempi brevi e può essere lasciata accesa o programmata con il timer,  con il vantaggio di tornare a casa e trovare il lavoro già pronto a metà. Questo strumento di piacere costa circa  50 euro e spesso è in omaggio nei supermercati come premio nelle raccolte punti ed è quindi accessibile a tutti senza problemi.

Per fare esempio di un piatto serale leggero e gustoso:

Prendiamo due sogliole  di media grandezza, della barba di prete (o agretti che dir si voglia) e una o due patate.

La barba del prete si trova dal fruttarolo anche già pulita, ma se è da pulire niente panico; è facile e veloce, è un ortaggio molto povero e di gusto simile allo spinacio la cui forma assomiglia all’erba lunga dei prati un pò cicciotella!

Infilate nella vaporiera al primo piano le sogliole, al secondo piano barba del prete e patate sbrucciate e a pezzettini.

In dieci, massimo quindici minuti è pronto. Sistemate la sogliola e le verdure sul piatto in modo elegante possibilmente a parte preparate olio d’oliva, sale, prezzemolo e zenzero fresco grattato e lo versate come condimento.

Il corpo vi ringraziarà perchè si accorge che si tratta di cibo sano e la mente si allegerirà pensando: ma è buono!

Inoltre, sarà solo mentale ma i fili della barba del prete  si attorcigliano sulla forchetta  con la stessa modalità degli spaghetti e vi assicuro che danno un gran soddisfazione al palato.

Insomma lo stomaco  non vi dirà di certo  “che c… hai mangiato?” cosa che capiterebbe con i quattro salti in padella o la famigerata pizza che alla sera sono indiscutibilmente e  francamente indigeste e si piazzano sullo stomaco esattamente come il cinghiale della pubblicità, soprattutto se sarete stanchi dopo la vostra giornata lavorativa.

Commenta con FB

2 risposte a Le ricette per mangiar sano: sogliola al vapore con agretti

Commenta con il tuo account...

Iscrizione Newsletter
Privacy & Cookies

Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Quindi, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookies tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Puoi trovare maggiori informazioni sulla privacy& Cookie policy di questo sito qui:
Privacy policy

Un post a caso
  • Scuole decimate…ma da quale virus?
    E’ veramente suggestivo vedere come da settembre siano state molto più numerose le persone che hanno già sviluppato sindromi simil influenzali o raffreddori.  In particolare, nell’ultima settimana nel nord Italia le scuole sono a dir …