Tracce di profumo: Notturno. By Valeria
7 dicembre, 2009
Prevenire l’influenza è meglio che curarla: sentirsi la febbre è un segnale importante.
13 dicembre, 2009

Come dimenticare l’eiaculazione precoce

speedy-gonzalesL’eiaculazione precoce, anche nota come E.P, sembra estremamente diffusa come problematica insieme alla disfunzione erettile.

Queste due patologie da sole, rappresentano il disturbo maschile sessuale più frequente.

L’E.P corrisponde ad un’incapacità di controllare l’eiaculazione che di solito arriva decisamente prima del previsto, in molti casi anche prima della penetrazione o dopo i primissimi  minuti.

Questa risposta ipereccitata è il segno di una eccessiva stimolazione che non è una stimolazione fisica bensì emotiva. Infatti avviene più frequentemente con partner sconosciute o proprio con la partner alla quale l’uomo tiene di più, quella con la quale  guarda caso vorrebbe proprio far bella figura.

Accade infatti a molti uomini di avere tempi di eiaculazione normali o anche prolungati in caso di autoerotismo,  sesso orale o situazioni che potremmo definire sotto controllo o nelle quali l’uomo riesce a rilassarsi e vivere uno stato di abbandono e di autentica libertà o quando vive una totale accettazione e desiderio da parte della sua compagna alla quale non deve dimostrare niente.

Quando questa problematica emerge, l’uomo, che desidera sentire la propria virilità e avere il controllo della situazione,  in risposta si trova a sperimentare la  totale assenza di controllo dello strumento che a lui è più caro vivendo la frustrazione più temuta, quella per la sua non riconosciuta virilità.

Questa problematica è considerata normale nei giovanissimi alle prime armi e al giorno d’oggi sembra essere molto più diffusa di quanto non si creda, soprattutto tra  i giovani che dovrebbero vivere la sessualità in modo più spensierato.

Alcuni ritengono che la mancanza di sentimenti e la troppa commercializzazione del sesso abbiano portato una maggior difficoltà e non già, come si sarebbe potuto pensare, ad una facilità ad entrare e vivere in modo sano e rilassato la sessualità.  Molti sono i confronti, se non altro con i divi del porno che esibiscono oltre che dimensioni anche tempi da record, e le donne odierne sicuramente si presentano più sicure e  disinibite e talora anche  potenzialmente spietate.

La terapia più consigliata al giorno d’oggi è farmacologica ed è costituita da una molecola con nota azione antidepressiva; vengono inoltre consigliati prodotti ad effetto anestetico locale o l’uso di profilattici ritardanti. Si suggerisce inoltre la terapia psicolologica anche di coppia, consigliando alle donne approcci e attenzioni mirate alla riduzione della sollecitazione della punta del pene a favore di stimolazioni di aree diverse o più estese dei genitali maschili.

Non è il sistema che non funziona, è il sistema che è sovraeccitato, sovraccarico. Per la Medicina Cinese si parla in questi casi per lo più di forme da eccesso che si contrappongono ai disturbi da difetto o vuoto.

Questo genere di disturbi è molto frequente nella nostra moderna società, a causa della presenza di tensioni, errate abitudini alimentari e consumo marcato di varie sostanze tossiche o quantomeno sconsigliabili.

L’agopuntura tratta queste patologie in modo elettivo e brillante, proprio perchè lavora sull’intero organismo corpo-mente-emozioni, agendo come una sorta di valvola di scarico, in grado di disperdere appunto “l’eccesso”.

Per comprendere come si produca questo tipo di disturbi, è sufficiente pensare agli ingorghi causati dal traffico automobilistico. L’agopuntura  se ben praticata è in grado di disperdere il traffico e ripristinare una  corretta circolazione energetica interna.

Utilissima anche la fitoterapia cinese e l’omeopatia soprattutto nei casi severi di ansia, così come il mantenere una certa attenzione alimentare oltre che un regolare stile di vita magari con una buona attività sportiva.  Numerose arti marziali come anche una parte dello yoga sono ottimi strumenti per imparare a controllare e direzionare volontariamente il respiro, alcuni stati mentali e  la propria energia interna.

Tutte queste pratiche sono certamente più utili ed efficaci di qualunque pillola o spray si possa inventare in quanto il problema è assai complesso e nasce dall’interno dell’individuo e non da una semplice  reazione chimica.

Solo riappropriandosi dell’equilibrio interno globale e ripristinando un’armonia generale, sarà possibile recuperare e ritrovare il tempo dedicato al piacere e il piacere di donare piacere.

Condividi

Commenta con FB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *