Il Passaggio della Ronda – by Philippe Galard
12 settembre, 2009
Cortocircuito cognitivo
17 settembre, 2009

L’autunno è già qui!

Riprendendo la concezione del calendario cinese, l’autunno è certamente già iniziato e cominciamo a sentirne le reazioni sul corpo; desideriamo chiudere le finestre per dormire, coprirci alla sera e al mattino e abbiamo magari messo una copertina sul letto.

Con rammarico osserviamo le giornate farsi sempre piu’ corte.

L’autunno e’ la mia stagione preferita,  in questo periodo sono nata e mi sento piu’ vitale e con una notevole capacita’ di introspezione nei confronti dell’anno appena passato e il  desiderio di programmare nuove mete da raggiungere.

Trovo la stagione autunnale dolce come il miele di cui ha il colore; la temperatura è ancora mite e il sole, quando illumina gli alberi ne infuoca le foglie che iniziano ad ingiallire illuminandosi di una rara bellezza.

Chissà se guardando le nostre prime rughe riusciremo mai a vederle così? La mia insegnante di Ikebana lasciava apposta spesso anche una foglia mezza gialla nella sua meravigliosa composizione proprio per rappresentare anche la bellezza di questo particolare passaggio della vita.Ma che dire di utile in questa stagione che nella medicina cinese è dominata dall’elemento metallo?

Il suo segno cardinale è l’ovest, gli organi che la governano sono il polmone e il grosso intestino. Anche questa è una stagione delicata perchè, come la primavera, è una stagione di passaggio e l’energia da superficiale tende lentamente a portarsi verso l’interno. Si inizia a prepararsi per l’inverno.

Il metallo nel ciclo di generazione è il figlio della terra e la madre dell’acqua e nel ciclo di dominazione è il nonno del legno e il nipote del fuoco.  Questo significa che quando è troppo forte può impoverire la terra e il sistema digestivo ma anche comprimere troppo e ostacolare il fegato.

Ecco allora che spesso in questo periodo compaiono sinusiti e difficoltà respiratorie anche  su base allergica, stanchezza e spossatezza, scarso appetito, digestione lenta, gastriti, gastroenteriti, alterazioni dell’umore e  del ritmo sonno-veglia.

In questo periodo esiste ancora una dose importante di calore e di energia accumulata durante la stagione estiva; è però necessario iniziare a chiudere le finestre! In poche parole vuol dire stare attenti a non disperdere inutilmente le proprie energie ma iniziare a conservarle più internamente.  E’ un buon periodo per i progetti e per le riflessioni.

Non guardiamo quindi a queste prime giornate  di pioggia con tristezza e delusione perchè  l’estate non solo sta finendo come dice una famosa canzone, ma… è proprio già finita!  Giriamo subito pagina,  è tempo per altre cose. La terra ha bisogno anche dell’acqua, sfruttiamo questo tempo per raccoglierci in noi stessi senza paura di trovare i fantasmi nel cassetto.


Condividi

Commenta con FB

4 Comments

  1. valeria ha detto:

    Cara Cathe,

    io che sono nata in piena estate non posso certo amare questa stagione, la vivo con malinconia e cerco…laddove possibile ancora l’estate. Ma…il tuo post me la alleggerisce.
    V.

  2. Sting ha detto:

    Beh, io sono nato in inverno, ma non posso che apprezzare le sfumature ed i colori dell’autunno. La sua qualità dolce e riposante, come l’ora del tramonto. Magari qualcuno li trova un po’ malinconici, come Venezia.. ma che fascino! E poi non si può sempre accelerare, inspirare, salire; la vita è circolare! ;-))

  3. Valeria ha detto:

    Eh si la vita è circolare 🙂 Quando una stagione sta per finire io non vedo l’ora di entrare in quella nuova. Non credo vivrei volentieri in quei luoghi “senza stagioni” dove e’ sempre caldo o sempre freddo; sai che noia!
    Valeria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *