Trattarsi come un ospite

trattarsi-come-un-ospiteAvete presente cosa vuol dire aspettare e ricevere un ospite gradito?

Si predispone il luogo al meglio, con ordine e pulizia, poi si cercano cose gradite: fiori, musica, profumazione dell’ambiente.

E se si  mangiera’ insieme si andranno a cercare le cose che piacciono all’ospite, cibi sfiziosi e freschi; potra’ essere anche una semplice insalata ma se preparata ad arte sembrera’ un pranzo da re.

Anche due tovaglioli di carta del colore giusto, posizionati con cura potranno fare la differenza.

Ecco: avete mai fatto questa cosa solo per voi? Voglio dire: vi siete mai considerati come il vostro ospite gradito?

Avete mai preparato la tavola e scelto cibo e piatto del giorno con la stessa attenzione che fareste per lui o lei?Si il sesso qui non ha importanza, o meglio: c’e’ l’ha! Nel senso di “eros”,  di piacere puro.

La differenza sta nel dettaglio, ma soprattutto nell’attenzione al dettaglio; tutto fatto non con ossessiva e rigida scrupolosita’, ma per il piacere di farlo, per il piacere di donare piacere.

Molti single ma anche persone con partner o famiglia sono abituati a “buttar lì”, a preparare alla meglio,  si mangia quello che c’e’ in frigo,  ma non solo: lo si prepara e lo si mangia a malo modo. Questo tipo di azione assomiglia di piu’ al concetto animalesco di sopravvivenza: mangiare  per tirare a campare e nient’altro!

Non ci nutriamo solo di materia ma di tutto il resto, non siamo animali! Come per il sesso: non facciamo l’amore solo per procreare o per svuotare i testicoli! Che diamine!

Per essere attenti al dettaglio senza cadere nel fanatismo è necessario avere una energia ben focalizzata e direzionata, non servono tempo, soldi o fatiche mostruose; serve solo l’intenzione, la disposizione interna.

Perchè questa magia avvenga, ciò che deve esserci è il desiderio; il motore anzi, la benzina che fa funzionare il motore. Desiderio inteso come desiderare intensamente ma senza l’oggetto del desiderio.

La cosa curiosa è che, quando ciò avviene, anche la cosa più semplice, come un bicchiere d’acqua fresca, diventa più buona; è come se il suo sapore penetrasse ogni cellula del nostro corpo e ci dissetasse veramente.

Questo è il vero nutrimento di cui abbiamo bisogno, questa è una vera pausa di relax per il corpo e per la mente.

 

Commenta con FB

Una risposta a Trattarsi come un ospite

  • Valeria scrive:

    Si è proprio vero, bellissimo questo articolo Cathe!
    Se posso aggiungere un dettaglio, spesso ho avuto l’impressione che una pietanza preparata con affetto, anche a parità di doti culinarie, sia più buona della stessa preparata con fretta e nervosismo; o comunque la si gusta come un dono, e per questo è più apprezzabile.

Commenta con il tuo account...

Iscrizione Newsletter
Privacy & Cookies

Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Quindi, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookies tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Puoi trovare maggiori informazioni sulla privacy& Cookie policy di questo sito qui:
Privacy policy

Un post a caso
  • Il valore dell’autotrattamento
    E’ sorprendente vedere come per ogni disturbo fisico esistano semplici gesti e manovre da eseguire in autotrattamento. Certo, in assenza di una conoscenza del corpo e delle leggi meccaniche, fisiologiche  ed energetiche insite nel nostro …