L’influenza esterna
18 maggio, 2009
La libido aumenta in estate?
22 maggio, 2009

Voglia di estate

E’ curioso vedere come molti pazienti ed innumerevoli disturbi fisici migliorano durante la stagione estiva.

La prima cosa da pensare è che questa stagione è dominata dal caldo, l’elemento è il fuoco, il colore è il rosso, l’emozione la gioia e questo già dovrebbe essere a favore.

Ma quello che è davvero interessante è che l’elemento fuoco nella sequenza dei cinque elementi della medicina cinese si trova in una posizione molto particolare, il fuoco infatti è la madre della terra e il figlio del legno.

Questo significa che da un lato nutre la terra  e dall’altro seda o calma il legno. Questa specifica combinazione, nutrimento dell’elemento terra da un lato e sedazione dell’elemento legno dall’altra, si adatta molto bene alla stragrande maggioranza della  popolazione che soffre di stanchezza da affaticamento e superlavoro fisico e mentale e tensioni ed eccessi da stress.ll fuoco possiede proprio questa duppice natura terapeutica, è utile per i vuoti di yang di milza e le stasi di qi fegato; quando i due quadri sono presenti contemporaneamente, come succede frequentemente, l’elemento fuoco e la stagione estiva diventano un autentico rimedio

Senza voler entrare troppo nei dettagli, molti sono i disturbi collegati a questa doppia costituzione; la psoriasi, alcune cefalee, le gastriti e molti sono i soggetti che si sentono rinascere con l’arrivo del caldo estivo.

Non dico che tutti stanno bene in estate, i soggetti pletorici o con segni di calore interno sopportano a fatica il calore esterno e lo stesso vale per i pazienti con vuoto di yin in quanto peggiorano con la sudorazione e l’eccessivo caldo.

E’ importante saper osservare quale è il clima nel quale ci sentiamo meglio, ed imparare a riconoscerlo non per sentito dire o per convinzione ma attraverso l’osservazione di piccoli dettagli, ovvero valutando l’andamento dei nostri punti deboli in considerazione della qualità della stagione e delle influenze esterne.

Gli elementi della natura sono molto forti e attraverso la diversa capacità del nostro corpo di adattarsi al caldo, al freddo, all’umidità, alla secchezza o al vento è possibile comprendere alcune importanti informazioni e magari iniziare a trattarli partendo dalla scelta degli alimenti più idonei.

Infatti, non solo con l’uso appropriato della fitoterapia cinese, ma anche attraverso l’uso consapevole di alcuni cibi è possibile scaldare, asciugare, umidificare e rinfrescare il corpo dall’interno. L’importante è informarsi attraverso letture specialistiche serie ma anche, come in tutto, rivolgendosi a professionisti esperti nella materia.




Condividi

Commenta con FB

1 Comment

  1. valeria ha detto:

    Da buon leone per me l’inverno è una sofferenza, per il prossimo mi sono ripromessa di fuggire al caldo. Così quando arrivare la primavera e poi la bella estate io scalpito, rinasco, amo. Addirittura all’inizio della primavera sentivo in me una splendida energia, e questo caldo, mi fa bene e mi fa venir voglia di vivere, fare sport…e perchè no? riprendere la mia dueruote, semprechè la mia fisiatra preferita approvi!!!
    Come sempre è piacevolissimo e molto istruttivo leggere questi post!
    V.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *