Sani e belli con l’agopuntura
9 febbraio, 2009
Il dolore non è una colpa
11 febbraio, 2009

Cibo cibo cibo

Affronto questo argomento, davvero complesso e delicato, con titubanza, primo perchè non sono una specialista del settore e in secondo luogo poichè su questo tema è stato detto di tutto e di più.

Tanto per iniziare, è necessario sapere che, anche se esistono regole di base, queste non devono essere prese in senso assolutista.

Questo perchè esistono diverse costituzioni, diverse stagioni della vita, diverse stagioni climatiche,  diversi momenti di necessità sia per il corpo che per la mente.

Siamo in continuo cambiamento dentro e fuori, è giusto quindi pensare, ma in modo dinamico, non cadendo nella tentazione di mangiare sempre le stesse cose.

Questo avviene per comodità, per abitudine, per dipendenza spicologica, perchè ci piace, oppure perchè siamo convinti che ci fa bene.

Neanche l’estremo salutista si salva da questo errore, proprio perchè, anche se in linea di massima la sua alimentazione è sana, l’assenza di possibilità di variare, la mancata elasticità e l’incapacità di ascoltare quello che il corpo di volta in volta chiede non portano salute.

La medicina cinese affronta l’argomento del cibo in modo molto interessante e completo, e consiglio di leggere almeno un testo sulla dietetica cinese per capire il modo in cui, tra le altre cose, si considerano gli effetti terapeutici dei diversi sapori; ad esempio l’amaro “fa scendere”. Molti non ci pensano ma in realtà anche senza saperlo utilizzano questo principio e riescono ad evacuare guarda caso solo dopo aver bevuto il caffe!

Sono molte le qualità e gli effetti dei diversi cibi, alcuni asciugano, altri inumidiscono, altri raffredano oppure riscaldano l’interno. In assoluto, senza voler fare un trattato, potremmo dire che non esiste un alimento nella natura che non abbia  effetti sul corpo. Ne consegue che non esiste un alimento che possa essere preso in continuazione senza produrre a lungo andare un sostanziale effetto sul corpo potenzialmente anche dannoso.

Quindi la prima regola potremmo dire è cambiare il più possibile, “di tutto un pò” era il detto dei nostri vecchi e in fondo conteneva una grande verità.

La seconda grande regola è la più sacra, tutti la conoscono, tutti la condividono ma nessuno riesce a seguirla.  Proviene della medicina cinese ma in realtà è accettata da tutte le culture e anche dalla moderna dietetica: si basa sul principio di mangiare molto al mattino, meno a pranzo e davvero molto poco alla sera. Le spiegazioni sono molteplici ma quello che conta è che sono davvero pochissime le persone in grado di capirne l’importanza e di applicarla alla loro vita.

Per riuscire in questo intento è necessario iniziare a svegliarsi prima e preparare una ricca e varia colazione a casa. Vi assicuro che vi piacerà e poi risparmierete anche, visto il prezzo proibitivo della colazione al bar.

In secondo luogo dovrete, prima di uscire, pensare a cosa portare con voi per i diversi spuntini e per il pranzo. Anche questo richiede uno sforzo ma poi paga; avrete risparmiato sul ristorante o comunque avrete  i vostri piatti e vi piaceranno di più del classico panino.

Bisogna imparare a pensare a noi come se fossimo i nostri figli che vanno in gita; mettiamo nella nostra cartella qualche frutto secco, uno snack ai cereali, un frutto di stagione, per la mattina al posto dei non so quanti possibili caffè. Per pranzo useremo un termos, un pò di riso o farro bollito accompagnato da polipo lesso o salmone, pollo o verdure lesse e magari un altro frutto o uno snack salato per il pomeriggio.

A questo punto tutti dicono, “impossibile per i miei tempi”.

Pensiamo a tante stupidate, perchè non pensare a cosa mangiare, al posto di pensarci all’ultimo momento, sempre di corsa e rimediando il meno peggio: vi posso assicurare per esperienza personale che così facendo si dimagrisce mangiando e la giornata lavorativa sembra meno pesante.

Alla sera quando tornerete a casa non sarete più così desiderosi di infilare in bocca tutto quello che si trova a portata di mano, sarete più tranquilli e potrete preparare con calma una minestra o un piatto leggero.

E’ più facile di quello che sembra, credetemi,  basta organizzare la mente e soprattutto volersi un pò di bene.

E quando andrete al ristorante avrete la possibilità di apprezzare anche piatti più ricchi e pesanti proprio perchè non quotidiani.




Condividi

Commenta con FB

1 Comment

  1. diggita.it ha detto:

    Uno Due Tre » Cibo cibo cibo…

    Sul cibo e sul mangiare sano si è scritto di tutto e di più. Ma alla fine valgono ancora i vecchi proverbi, che ad oggi dimostrano una saggezza provata anche dalla medicina cinese, oltre che dai vari dietologi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *